Machu Picchu

MachuPicchu_NS.JPG
 

🇬🇧 MACHU PICCHU

I can’t remember a time when I didn’t want to go to Machu Picchu. The iconic image of the place has always lived in my imagination as a ‘lost city’, invisible from the valley below and only accessible via a long and dangerous trek along cliff edges and jungle. We always knew it wasn’t going to be easy to get there physically, and in terms of our budget, but we couldn’t visit South America and see it with our own eyes!

Our first glimpse of the citadel of Machu Picchu was a distant panoramic view from the rocky cliff top path leading steeply up to the Sun Gate. Standing in the pouring rain with the steaming jungle one side and sheer drop into the valley below, we had paused to catch our breath and rest. At 2,500m above sea level, we were feeling both the affects of altitude sickness, and regretting the choice of pizza and beer from the night before, but at that moment the sun split apart the rain and dense fog and we saw the whole valley open up in front of our eyes. It wasn’t really what we had imagined, but our spirits soared!

The rain had started the night before while we were having our aforementioned dinner in the nearby town of Aguas Calientes (recently and confusingly renamed Machu Picchu), and hadn’t stopped all night. When our alarm went off at 4am the following morning, it was torrential and we started wondering if perhaps this was such a great idea after all. Nevertheless, we pulled on our plastic ponchos and ran out into the dimly lit streets towards the bus stop where we would catch our bus up the mountain. As we came closer we were amazed to see that there were already a few hundred people queued up in the darkness, huddling under shop awnings and umbrellas in the pouring rain. There was a murmur of expectation in the air, like runners before a marathon, and we couldn’t wait to get started.

We had discovered that there are a few ways to get to Machu Picchu - either by foot (The Inca Trail) or by train to Aguas Calientes and then bus to the top. People rave about the Inca Trail, but both of us secretly ruled it out early on and we opted to get the train to Aguas Calientes from Cusco and then a bus to the Citadel. We felt sure that the Trail is a unique experience, but spending 1000 usd to spend 4 days sleeping on the ground in the rain didn’t really appeal to either of us…

In the end, the journey from Cusco was an adventure in it’s own right. Our train to Aguas Calientes departed from the town of Ollantaytambo, 70k from Cusco in the Sacred Valley and so we decided a taxi would be best and cheapest option. In the end, we were cursing as we were squashed in the back of a car speeding through the Sacred Valley with a mother and baby in the front seat and the worlds strongest man reading a broadsheet newspaper sitting next to us, our arms locked in a silent battle for space.  The train itself with Inca Rail felt like a proper adventure as it snaked along the river through the jungle. The carriage had a glass roof, allowing us see up thrugh the canopy to the mountain peaks above, and watch the occasional group of Inca Trailers trudge along as we drank our free mocktails and eating peanuts. The train ride back was a bit of a disaster though as an exhaust pipe failed, filling our cabin with acrid black smoke. Despite a large group of men in blue overalls standing around and looking at it while smoking cigarettes for 45 minutes we had to continue all the way back to Ollantaytambo with our jumpers wrapped around are faces!

Aguas Calientes itself is a maze of concrete buildings nestled in between tall, green mountains overrun with tropical plants and has the feeling of place that is never dry. Much to Sara’s delight there was a huge colourful covered market, overflowing with textiles, bags, ponchos, jewelry other touristy stuff. We spent hours lost inside, enjoying waking up the sleeping stall owners who would rouse themselves from sleep when we approached, as if by magic.

The buses to the ruins appeared out of nowhere at 5am on the dot, their headlights lighting up the sea of multicoloured ponchos all around us, and we forced our way through the wet plastic into the back seat of one of them. It was still inky black outside and we were damp and shivering as the bus wound up and up along a narrow dirt road along the side of the mountain until we saw the mass of tourists scrambling to get their passes stamped at the main entrance. We joined in and started the climb up to the Sun Gate, which is the end of the Inca Trail, to watch the sunrise. Our plan was that we would leave the exploration of the main city part for later when there were fewer tourists and the cloud had cleared.

It is a surreal experience to be at Machu Picchu. We have been to older places, bigger places and places with less tourists, but walking around the stone buildings jumbled around the large main square is an emotional experience – it feels like walking around a landmark in human history. Each time we rounded a corner, reached the top of a staircase or walked through a doorway, a spectacular view of the city, mountains or valley below was revealed. Our rain soaked clothes and altitude induced headaches were more or less forgotten as we started to wander between the polished stone walls, so tightly fitted together that a knife blade couldn’t pass between, and perfectly carved little water channels which still carry fresh water to sixteen public fountains - the kind of work we knew would be almost impossible to achieve now. In a way we felt like we had been there before, having seen so many pictures if it, but this didn’t stop us adding over 2,000 more of our own!

Llamas strut freely through the ruins now and have the role of gardeners, keeping the grassy courtyards and terraces in perfect condition for all of us tourists. The stone pavements wind up and down staircases and between buildings like a little maze in an annoying pre-determined one way system. Incredibly, we were informed by one of the over zealous fun-policewomen who direct the traffic flow that we would have to complete the entire circuit to get out and use the bathroom by the entrance!

We completed the circuit three times, each time exiting the complex, and having our passes re-stamped as we came back in by the same increasingly disbelieving-looking guard. We realized that most tourists arrive in large tour-guided groups from Cusco and run through the city once before bussing it back to their hotels on the same day. Great for us because the third turn, we had the place almost to ourselves – even the tour guides hovering by the entrance had given up asking us if we required their services.

We were exhausted when we silently boarded one the buses back to the town. One emotional and tiring day out of hundreds on our trip around South America, but one we will never forget.

 
sara_MP_square.jpg
 

🇮🇹 MACHU PICCHU

Non ricordo un momento della mia vita in cui non volessi andare al Machu Picchu. Avevo sempre immaginato quel luogo iconico come una sorta di città perduta, invisibile dalla valle sottostante ed accessibile solo attraverso un lungo e pericoloso cammino che si snodava lungo i precipizi e la fitta giungla. Sapevamo che non sarebbe stato facile arrivare lì fisicamente e soprattutto in termini di budget, ma non potevamo visitare l'America del Sud senza averlo visto con i nostri occhi!

La prima volta che abbiamo intravisto la cittadella di Machu Picchu è stata in un punto panoramico lontano dal sentiero roccioso che conduceva ripidamente fino alla Porta del Sole. In piedi sotto alla pioggia battente, con la giungla avvolta nella nebbia da un lato ed un ripido precipizio che si perdeva nella valle sottostante dall’altro, ci eravamo fermati infatti per prendere fiato e riposare. A 2.500 metri sopra il livello del mare, avevamo entrambi iniziato a sentire qualche effetto dovuto all’altitudine (…e a rimpiangere la scelta della pizza e della birra dalla notte prima per cena!!). Ma nel momento in cui i raggi del sole hanno iniziato a farsi spazio tra la pioggia e la fitta nebbia, aprendo una magnifica vista sulla vallata davanti ai nostri occhi…non avremmo mai potuto immaginare nulla del genere…ci sentivamo letteralmente al settimo cielo!

Aveva iniziato a piovere la sera prima, mentre stavamo facendo quella “famosa” cena precedentemente citata, nella vicina città di Aguas Calientes (recentemente rinominata Machu Picchu) e non aveva smesso durante tutta la notte. Quando la mattina seguente la sveglia aveva iniziato a suonare alle 4 del mattino, la pioggia era diventata letteralmente torrenziale al punto da farci dubitare se valesse la pena fare l’escursione proprio quel giorno. Ma la voglia di vedere quel posto magico era davvero troppa, così abbiamo deciso di prendere i nostri ponchos di plastica e di camminare per le strade poco illuminate del paese, verso la fermata di quell’autobus che ci avrebbe portati in cima alla montagna. 
Mentre ci stavamo appropinquando, siamo rimasti sorpresi nel vedere che c'era già qualche centinaio di persone in attesa, nell'oscurità, che si riparavano come potevano sotto ai loro ombrelli e a dei tendaggi. 
Si avvertiva un’incredibile aura di aspettativa…ci sentivamo come i corridori prima di una maratona…non potevamo più aspettare!

Avevamo scoperto che c’erano diversi modi per arrivare a Machu Picchu: il primo era a piedi attraverso l’Inca Trail, mentre il secondo era in treno fino ad Aguas Calientes e successivamente in autobus per raggiungere la Cittadella. Molte persone con cui avevamo parlato sembravano elettrizzate all’idea di percorrere l’Inca Trail, ma entrambi avevamo deciso di optare per la soluzione che prevedeva il treno fino ad Aguas Calientes, partendo da Cusco, e poi l’autobus. Eravamo infatti convinti che l’Inca Trail avrebbe rappresentato un’esperienze unica, ma era veramente molto cara, e l’idea di spendere ben 1000 USD per trascorrere 4 giorni a dormire per terra sotto la pioggia non ci aveva troppo entusiasmato...

Il viaggio di andata, con partenza da Cusco, è stata una vera e propria avventura. 
Per prendere il nostro treno in direzione di Aguas Calientes, dovevamo prima raggiungere la città di Ollantaytambo, a 70 km di distanza da Cusco, immersa nella Valle Sacra. Dopo aver fatto un po’ di ricerche, avevamo dedotto che la migliore opzione per andare lì sarebbe stata quella di prendere un taxi collettivo. Quando però poi ci siamo trovati in quel taxi, tutti schiacciati nei sedili posteriori, con una donna ed un bambino appena nato nel sedile anteriore, con accanto a noi un uomo enorme che prendeva un bel po’ di spazio mentre si leggeva pacifico il giornale, le nostre braccia tutte incastrate che cercavano di “lottare” per muoversi un minimo, il tutto mentre l’auto attraversava tra un tornante e l’altro la Valle Sacra…beh, diciamo che abbiamo un po’ maledetto la nostra scelta! 

Il viaggio in treno, invece, con la compagnia Inca Rail, è stata un’esperienza fantastica. La carrozza aveva un tettino di vetro che ci permetteva di vedere fino alla cima dei monti sopra di noi e di guardare occasionalmente qualche gruppo di Inca Trailers in lontananza, mentre sorseggiavamo i nostri mocktails gratuiti e mangiavamo arachidi. Le rotaie si snodavano nella foresta, ed avevano il fiume da un lato e la giungla dall’altro…un vero spettacolo. (Questo per quanto riguarda il viaggio di andata…perché quello di ritorno, un paio di giorni dopo invece è stato, ahimè, piuttosto disastroso!! Dopo poco che eravamo partiti avevamo iniziato a sentire un forte odore di bruciato…eravamo tutti un po’ preoccupati, ma ben presto siamo stati avvisati che il motivo era stato la rottura di un tubo di scarico, che nel frattempo aveva iniziato a riempire la nostra cabina di fumo nero e denso! Dopo esserci fermati nel bel mezzo della foresta, siamo stati raggiunti da un gruppo di uomini vestiti di blu, i quali hanno esaminato la situazione (mentre si fumavano una sigaretta…!) per circa 45 minuti e, non sapendo come risolvere il guasto, ci hanno detto che non c’era altro da fare se non proseguire il nostro viaggio per Ollantaytambo in quelle condizioni, con le nostre facce avvolte nelle sciarpe per non respirare in modo diretto i fumi!).

Aguas Calientes a prima vista sembra come una sorta di labirinto di costruzioni in cemento armato, ma poi ti accorgi che è proprio una bella cittadina, immersa tra le verdi ed imponenti montagne ricoperte da piante tropicali. C’è una tale umidità nell’aria che si fa fatica ad immaginare che quel luogo possa conoscere siccità in certi periodi dell’anno. Per la gioia di Sara, avevamo scoperto un enorme mercato nei pressi della stazione, tutto colorato, in cui c’erano tessuti di ogni tipo, borse, ponchos, piccoli gioielli ed altre cose di artigianato locale. Abbiamo trascorso delle ore lì dentro! Una cosa che ci ha colpito è stata il vedere i venditori tutti assonnati (e spesso profondamente addormentati!) ai loro banchetti svegliarsi, come per magia, ogni volta che un turista si avvicinava per osservare i loro prodotti.

Gli autobus per la Cittadella del Machu Picchu apparvero dal nulla alle 5 in punto del mattino, illuminando con i loro fari il mare di ponchos multicolore intorno a noi. Con pazienza ci siamo fatti strada e, tutti belli avvolti nella plastica bagnata, ci siamo sistemati sul sedile posteriore di uno di loro. Era ancora buio pesto fuori dai finestrini, i nostri vestiti erano tutti umidi e battevamo i denti per il freddo. Il nostro autobus iniziò poi a risalire la montagna, attraverso una tortuosa e stretta strada sterrata. Arrivati a destinazione, eccoci nuovamente circondati da una massa di turisti, stavolta che fremevano per farsi stampare il biglietto di ingresso alla Cittadella all’ingresso principale.  

Una volta entrati, abbiamo iniziato a risalire il sentiero conducente alla Porta del Sole, dove si conclude l’Inca Trail, per ammirare l'alba da lassù. Nel nostro programma c’era infatti quello di lasciare l'esplorazione della zona principale della città per più tardi, quando la nebbia mattutina si sarebbe dissolta ed il numero di visitatori diminuito.

È un'esperienza surreale essere al Machu Picchu. Eravamo stati in luoghi più antichi, più vasti e decisamente con meno turisti, ma camminare tra quegli edifici in pietra, che circondano la grande piazza principale, è un'esperienza emozionante - sembra di passeggiare intorno a un punto di riferimento nella storia umana! Ogni volta che svoltavamo un angolo, che giungevamo in cima ad una scala o attraversavamo una porta, scoprivamo una nuova e spettacolare vista della città, delle montagne o della valle sottostante. 

I nostri vestiti fradici ed il mal di testa dovuto all’altitudine erano diventati ormai solo un ricordo quando abbiamo cominciato a vagare tra quelle antiche mura, dalle pietre perfettamente tagliate e levigate, montate in un modo talmente preciso e sapiente che neppure la lama di un coltello poteva passare tra i loro giunti. Ovunque notavamo la presenza di alcuni piccoli canali, che ancora oggi portano acqua fresca a sedici fontane pubbliche - un tipo di lavoro che attualmente non sarebbe di certo facile realizzare. 
Avevamo visto così tante foto del Machu Picchu prima di andarvi che da una parte era come se avessimo visitato quel luogo prima...ma ciò non ci ha impedito comunque di fare circa 2000 nuove foto a testa!  

I lama vagavano liberamente tra le rovine, facendo un po’ da “giardinieri”, mantenendo i cortili erbosi e le terrazze in perfette condizioni per tutti noi turisti. Le pavimentazioni in pietra salivano su e giù per le scale e si snodavano sotto forma di sentieri tra gli edifici, in una sorta di un piccolo labirinto dai sensi di marcia predeterminati. Ci sono infatti dei veri e propri “direttori del traffico” nei momenti di punta, che controllano che il flusso di turisti avvenga secondo il senso indicato dai cartelli! (Pazzesco…siamo rimasti increduli quando ci hanno detto che avremmo dovuto completare un’altra volta l'intero circuito per usare il bagno, che si trovava solo all'ingresso appunto!).

Era troppo bello essere lì…così, senza nemmeno rendercene conto, abbiamo completato il giro della Cittadella ben tre volte, riuscendo ogni volta dal complesso e ritimbrando i nostri biglietti (tra l’altro sempre dalla stessa guardia, che ci guardava con occhi sempre più increduli!) per rientrare.

Con il passare delle ore ci siamo resi conto che la maggior parte dei turisti arrivavano in grandi gruppi guidati da Cusco, facevano il giro della città una sola volta e tornavano nuovamente indietro ai loro alberghi, il tutto nella stessa giornata. ll ciò è stato davvero ottimo per noi, perché durante il nostro terzo turno avevamo praticamente tutto il sito archeologico per noi (…perfino le guide turistiche all’ingresso avevano smesso di chiederci insistentemente se volevamo pagare per avere un tour privato!).

Eravamo esausti quando finalmente siamo saliti a bordo di uno degli ultimi autobus per tornare ad Aguas Calientes nel pomeriggio. Era stata una delle giornate più emozionanti ed intense del nostro viaggio in Sud America, una giornata unica che decisamente non dimenticheremo mai.

 
17_03_29_DSC05693.JPG
 
 
Nickperu, machupicchu